Recensione libro: Cygnus, Rhoma G.

cygnus

Cygnus, Rhoma G.

Edito: Self Publishing

Mireen è una giovane studentessa in miti e leggende celtiche, appena laureata. Trova lavoro nel luogo dei suoi sogni Il Castello dei Cigno di Pietra. Il castello nasconde la leggenda di Isabeau, tramutata in cigno tramite l’incantesimo della strega Oluba, a causa dell’invidia della sorella di Isabeau, Muiren.

La vita di Mira cambierà in modo definitivo una notte, quando verrà rapita senza apparente motivo. Ma, ancor di più, la sua vita cambierà per aver conosciuto Amon, il bellissimo e tenebroso rapitore, Due Facce, come lo definirà lei stessa. In un viaggio tra un presente fatto di credenze popolari e un passato magico, nel paesaggio rigoglioso d’Irlanda, Mireen dovrà trovare la sua strada e affrontare la verità.

Attenzione! La storia d’amore tra Amon e Mireen è molto esplicita, il romanzo è a tutti gli effetti un erotic novel.

Adatto senz’altro a tutti gli amanti del genere, la connotazione magica e Irlandese gli dona quel tocco in più.

Stelle: 4/5

Recensione Libro: Io sono Dot, Joe Lansdale.

io sono dot.png

Io sono Dot, Joe Lansdale

Edito: Einaudi

Sono ormai due anni che per me non esiste estate, non esiste vacanza, se non metto in valigia un libro di Lansdale. E quest’anno ad accompagnarmi c’è venuto Io sono Dot, romanzo diverso dai canoni dell’autore eppure perfettamente riuscito.

Dot, diminutivo di Dorothy, è una giovane adolescente con una vita difficile. Vive in una roulotte con la madre, spesso assente e con alle spalle una lunga serie di scelte sbagliate, il fratellino pedante e fastidioso e la nonna. Le cose si complicano quando Dot decide di prendere a bastonate (nel senso più letterale del termine) il fidanzato della sorella, dopo l’ennesima lite finita male per quest’ultima.

Unica possibilità di riscatto, in questa situazione non di certo idilliaca, arriva con , fratello del padre di Dot “uscito per prendere le sigarette” e mai più tornato. E con una gara sui pattini, che Dot, cameriera sui rollerblade, affronterà con le sue colleghe.

In questo romanzo Lansdale, da sempre trasformista che può alternare western senza capo né coda che contengono anche Dracula con thriller come “In fondo alla palude”, ci presenta il ritratto di una famiglia come tante altre, incasinata eppure unita, e della voglia di riscatto e di farcela tipica degli adolescenti (e anche della morale americana, questo non possiamo negarlo).

Scorre veloce esattamente come Dot sui suoi pattini. Di certo non il suo romanzo migliore ma comunque molto piacevole.

Stelline: 3/5